Agriturismi

Full immersion nella natura per un Capodanno speciale

Exterior 7Sarà davvero un capodanno speciale, da ricordare,se lo trascorrerete alla Fattoria Montelucci, una splendida dimora in pietra, nei cui pressi sono ancora oggi visibili i ruderi del castello e delle case circostanti ed è possibile visitare la Cappella di San Tommaso. Con la sua antichissima storia, risalente al Medioevo, e con la suggestiva atmosfera di altri tempi vi affascinerà e potrà essere punto di partenza privilegiato per escursioni nelle splendide città di Siena, di Arezzo e di Firenze, dalle quali la fattoria dista pochi km. Immersa in ampie vallate e campi verdi, circondata da scenografici vigneti e da antichi uliveti, la fattoria offre ai suoi ospiti un completo relax, sia per la mente che per lo spirito. Le sale antiche, i salotti, il biliardo, la sala bridge, tutte arredate con mobili d’epoca, sono incorniciate da grandi camini.View 2
Il ristorante, ricavato dall’antico frantoio in pietra, offre piatti tipici della tradizione toscana impreziositi dai prodotti biologici prodotti in Fattoria: dalla pasta all’uovo realizzata a mano, all’olio biologico e Chianti DOCG alle verdure e frutti dell’orto.
Da non perdere l’area “coccole”, per dimenticare, almeno per qualche giorno, la frenesia della città!

www.montelucci.it

  • Share/Bookmark

Borgo Egnazia, per incontrare la Puglia

borgo

Aprirà i battenti il  15 aprile 2010 Borgo Egnazia, un favoloso resort nato dalla volontà del Gruppo San Domenico, già proprietario  della Masseria San Domenico, della Masseria Cimino e del San Domenico House di Londra. Pensato come  hotel di qualità, è dedicato alle persone che vogliano conoscere la Puglia, a cominciare dai dettagli elegantemente curati dell’Hotel. I materiali usati nella costruzione sono tipicamente pugliesi, le piante dei giardini sono l’ulivo, il fico d’India, gli aranci e le bouganvillea della macchia mediterranea, allo scopo di  veicolare le tradizioni e le peculiarità della regione.

Il resort è formato da  camere di vario tipo, dalle standard alle suites, e da 28 ville , adatte a chi ama la privacy ed un servizio personalizzato a cinque stelle, che consente di avere un cuoco dedicato, che può preparare i pasti per tutti gli ospiti,  o un massaggiatore  in camera, per un trattamento effettuato nella room massage della villa, il tutto in un contesto di estrema eleganza, con una propria piscina privata circondata da un lussureggiante giardino.

Se poi volete apprezzare un lusso assoluto, abbinato ad un’atmosfera di campagna tipicamente pugliese, niente di meglio che la piazzetta del “Borgo”, una zona del resort dove le case bianche, i terrazzi e i giardini vi trasmetteranno una sensazione di pace e benessere.

Che dire, poi,  della SPA Raison d’Etre? Su quasi 2.000 metri quadri potrete fare il percorso Kneipp, per riattivare la circolazione delle gambe o immergervi in una piscina di acqua satura di sale, che vi permetterà di galleggiare come sulle acque del Mar Morto, allontanando ogni forma di stress e  uscendone  completamente rilassati e rigenerati!

Per apprezzare la cucina pugliese ed i suoi genuini prodotti locali,tre ristoranti di diverso stile, rustico, elegante o raffinato, vi proporranno piatti tradizionali della cucina locale, alcuni anche rivisitati in chiave  moderna.

Dedicato a tutti, dalle famiglie con ragazzi, che troveranno   intrattenimento e attività sportive a go-go, alle coppie e ai single, il resort si trova di fianco al San Domenico Golf, un campo a 18 buche, che lo  separa da un mare limpidissimo, uno dei più puliti d’Italia.

Foto by Gruppo San Domenico

  • Share/Bookmark

Capodanno al Podere Vitiano, nel cuore dell’Umbria

camera da lettoUn week end in pieno inverno nel cuore dell’Umbria può regalare profonde emozioni, in una regione che offre il suo lato più vero e segreto proprio in questa stagione, quando il grigio-verde degli ulivi delle dolci colline umbre scompare e si trasforma in una bianca e suggestiva coltre di neve. Rifugiarsi allora nello   stupendo casale “Podere Vitiano”, ubicato nei pressi di Orvieto, regalerà momenti di calda intimità e di profondo relax, assaporando attimi di un lontano passato. Risalente all’epoca medioevale, ma recentemente ristrutturato ed adibito a Bed & breakfast, il Podere Vitiano è stato nei secoli residenza del clero e di nobili, ma anche casa contadina, ed  ha conservato intatto il suo fascino, grazie ai muri in pietra, ai pavimenti in cotto e ai soffitti in legno, tutti materiali di recupero. Il tempo sembra essersi fermato dentro il casale, per consentirci uno stacco dalla quotidianità e momenti di convivialità da ricordare.cameraaaaaaGetAttachment.aspx

Dal 30 dicembre  al 3 gennaio ad Orvieto si terrà Umbria Jazz Winter, un’occasione da non perdere in coincidenza con le vacanze natalizie. www.poderevitiano.it

Foto by Podere Vitiano

  • Share/Bookmark

Un percorso naturalistico in provincia di Belluno: il Cammino delle Dolomiti

Il Cammino delle Dolomiti, ideato dall’ufficio del turismo del Comune di Belluno al fine di promuovere le montagne bellunesi e il trekking in montagna, si snoda per circa 300 km nello splendido paesaggio delle Dolomiti bellunesi e permette di godere appieno del verde dei boschi e dei prati, del rosa delle montagne al tramonto, dell’ aria profumata di erbe alpine e di riappropriarsi di ritmi lenti e rappacificanti, ai quali il ritmo della vita odierna ci ha disabituati.

Distribuiti in dieci tappe, i percorsi permettono a ciascuno di scegliere quello che gli si adatta meglio, ma….niente paura!

Partenza ed arrivo dell’itinerario ad anello è l’antico Santuario dei Martiri Vittore e Corona ad Anzù di Feltre, splendido complesso medievale ricco di opere d’arte. L’itinerario tocca quindi Feltre per salire poi sino al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Attraverso la Valbelluna si giunge alla Certosa di Vedana, porta dell’Agordino, e alle miniere abbandonate di Valle Imperina (sede di un centro visitatori del Parco). Ed ancora Gares e la Valle di San Lucano sino a Canale d’Agordo, paese natale di Papa Lucani. Il cammino fiancheggia quindi il Col di Lana e le trincee della Prima Guerra Mondiale, il Castello di Andraz, e valica il Passo Falzarego sino a raggiungere la splendida Cortina d’Ampezzo e, a pochi chilometri di distanza, Misurina, con splendida vista sulle Tre Cime di Lavaredo. Dopo Auronzo di Cadore il percorso si inoltra nel verde Comelico, con i suoi tipici Tabià, sino alle sorgenti del fiume Piave. Si raggiungono poi Lorenzago di Cadore, luogo di villeggiatura dei Papi, Vigo di Cadore, e le sue antiche chiese, e naturalmente Pieve di Cadore, paese natale del pittore Tiziano. Scendendo verso sud l’itinerario raggiunge prima Longarone e la Diga del Vajont, quindi l’Alpago, il Col Nevegal, il capoluogo Belluno e, attraverso la sinistra Piave, nuovamente il santuario dei Ss. Vittore e Corona, arrivo di questo lungo ed emozionante cammino tra le Dolomiti più belle.

Lo possono affrontare anche i bambini, se si ha l’accortezza di selezionare i percorsi più facili: ce n’è davvero per ogni grado di preparazione atletica!

Ideato sul modello del più famoso e lungo Cammino di Santiago, che ha un intento prettamente religioso e viene effettuato principalmente da pellegrini, quello delle Dolomiti vuole essere un invito a conoscere meglio la natura e ad accostarsi ad essa con il rispetto dovuto per queste montagne, le Dolomiti, che incutono quasi soggezione per la loro maestosità.

Durante il percorso si attraversano anche zone inserite nelle “Alte Vie del Gusto”, per cui si potranno fare delle piacevoli soste presso locande, trattorie e ristoranti che aderiscono all’iniziativa, assaggiando piatti tipici di montagna e degustando sapori quasi dimenticati.

Da segnare nell’agenda per un week-end un po’ diverso, che costerà forse un po’ di fatica, ma che si farà certamente ricordare per le emozioni che ci regalerà e per la soddisfazione di essere riusciti a portare a termine le nostra piccola “avventura”.

Info: IAT Belluno – piazza Duomo 2 – 32100 Belluno

Tel. 0437 940083 – Fax 0437 958716 belluno@infodolomiti.it

Anna Rubinetto

  • Share/Bookmark